Un T-Rex rosso è la cura

Scrivere è dare un senso alla confusione dell’anima ma anche dell’ambiente esterno.

Viviamo in tempi di grande confusione in cui il sentimento prevalente non è l’incomprensione ma la paura. I media ci godono: finalmente i giornali possono tornare a vendere e i blog a finanziarsi. La paura vende più della verità.

Il motivo è biologico: il sistema limbico (quello delle emozioni) è sotto stress, e la capacità di giudizio vacilla colpita da raffiche di ormoni. Gli strilloni davanti alle edicole recitano “scatta la rissa” anche se il corteo del giorno prima era pacifico. Le home page dei grandi quotidiani online parlano quotidianamente di catastrofi e della Borsa che affonda. Blog e siti di informazione raccontano come ci stiamo pericolosamente avvicinando alla fine dell’umanità.

La paura vende.

È probabile che stiamo tutti vivendo una forma blanda di disturbo d’ansia. Come per la Guerra Fredda, anche questo disturbo cresce nel tempo e piano piano costruisce il suo freddo castello di certezze. E alla fine uno non può che asserire: la fine è vicina.

Cosa fare quindi?

Due cose. La prima: chiudere il rubinetto delle news. Ne bastano poche. E, vi prego, verificate. La seconda: raccontare. 

Quand’ero in New Mexico, negli Stati Uniti, ho partecipato ad uno studio condotto dal Prof David Boje sulla cura del PTSD (disturbo post-traumatico da stress) di veterani di guerra. I veterani raccontavano la loro esperienza seguendo un percorso ben definito, l’Embodied Restorying Process (Boje, Henderson, 2015). In questo modo davano corpo al frammento traumatico. Spesso sceglievano un Tyrannosaurus Rex rosso. Guardavano quel T-Rex, che ora era lì, e non più (o non solo) nei ricordi. L’espiazione era un inizio di cura.

Noi siamo ancora lontani dall’espiazione perché nel frammento traumatico ci siamo dentro. Scrivere, raccontare serve proprio per aprire la porta dell’espiazione. Ed è un gesto semplice, gratuito, democratico. E soprattutto non distrugge ma costruisce. Le storie costruiscono sempre. 

Roarrrr!!!